Presentazione di “BACKUP” alla Milan Games Week 2017

Siamo sempre più orgogliosi di essere parte di questo progetto ma soprattutto di questo strepitoso gruppo che di anno in anno cresce consolidandosi sempre di più. Un ringraziamento speciale a Debora e Luca per averci dedicato uno spazio all’interno del nuovo libro BACKUP_L’ARTE è IN GIOCO!!”, pensato apposta per celebrare i 9 anni di attività di Game Art Gallery. Per noi è stata l’occasione di rilasciare un aggiornamento massivo ed importante all’applicazione mobile Art Revolution, creata nel lontano 2012 per iOS e Android a supporto della mostra temporanea dedicata ad Assassin’s Creed. Di fatto Art Revolution si sta trasformando nella prima app italiana dedicata interamente alla GameArt. Abbiamo in mente tantissime altre features ma ora restiamo concentrati sull’edizione 2017 della Milan Games Week. Ecco a voi il comunicato stampa ufficiale.

MGWart lo stand della game culture e delle game art con artisti, sviluppatori, scrittori, publisher, per i 9 anni di attività di Game Art Gallery ® con un tributo a Tim Schafer e appuntamenti di VR. Perché L’ARTE è IN GIOCO!

Milan Games Week 29, 30 settembre-1 ottobre, Fiera Milano Rho, pad. 8/12 www.milangamesweek.it

Grazie alla collaborazione con AESVI che coi soci principali partecipò al progetto diNeoludica_Game Art Gallery ® alla 54.Biennale di Venezia, lo stand delle game art alla Milan Games Week compie 7 anni, 9 dalla nascita nell’agosto 2008. Dalla prima edizione nel 2011 a quella odierna, artisti, sviluppatori, curatori, partner e publisher hanno partecipato ai vari progetti per testimoniare l’impegno nel segmento culturale del videogame.

Per celebrare queste attività, fare il punto di quanto è cambiato il panorama in Italia in questi 7 anni, eseguire un vero e proprio BACKUP personale, i curatori di Neoludica Debora Ferrari e Luca Traini hanno pensato di creare un nuovo libro edizioni TraRari TIPI che contenesse questi dati, accompagnati dalle splendide opere dei game artist e dai team di sviluppo particolarmente sensibili al dato artistico e che espongono anche nell’area Indie, insieme ai partner storici quali E-Ludo Lab, Gamesearch.it, MF Labs, MenteZero, Streamcolors, Ubisoft, AESVI-Drago d’Oro. Completano il libro saggi e abstract da recenti tesi universitarie di collaboratori che sono vicini a Neoludica da alcuni anni.

Verrà presentato anche il volume di Francesco Toniolo “Le nuove anime oscure”che segue il primo saggio pubblicato due anni fa con copertina di Cristian Scampini; ora celebra il nuovo contenuto un suggestivo artwork di Federico Ferrarese.

Allo stand sarà possibile trovare le opere dei game artist della Gallery come sempre e in più gli artwork diBad Seed, Footprints, Elf Games, Iperurania Arts, Hive Division, PlaySys, MixedBag, Neko8Games, Ovosonico, Rocco Salvetti, Studio Evil, TinyBull, Want Musik, White Room, tutti presenti anche nel nuovo libro “BACKUP_L’ARTE è IN GIOCO!!”. Inoltre nei tre giorni di fiera, presso l’area interna dello stand, sarà possibile anche provare progetti culturali di VR coi rispettivi creatori: Venerdì con Valentina Paggiarin di Hive Division; sabato con Gianni Ricciardi di Want Musik; domenica con Luca Deriu di PlaySys. Per accedere a quest’area sarà obbligatorio iscriversi ai turni presso il desk dello stand, le visioni saranno per un utente per volta, posti limitati.

“Il motivo per cui conta l’insistenza della connessione fra questi mondi (videoludico e artistico-culturale) – spiegano i fondatori Ferrari e Traini, quello in cui ancora viene relegato l’intrattenimento e quello prettamente artistico-collezionistico, è la convinzione che il legame e il dialogo profondo di queste parti sta già facendo nascere una nuova dimensione dell’arte che ci sfugge perché ancora multiforme, ma già presente e incredibilmente al futuro. Ciò che abbiamo visto in questi anni e che abbiamo contribuito a sviluppare, creando collegamenti, sinergie, amicizie, collaborazioni e connessioni, è un tessuto italiano vivace e creativo, capace di inventare sempre nuove possibilità di visione e applicazione”.

Insieme alle game art di una ventina di artisti (tra cui Scampini, Giannella, Vavalà, Porrini, Baggio, Sartori, Piccolo, Masera, Roncella, Di Pasquale, Troiano, Viglioglia, Natale) il visitatore troverà anche una mostra omaggio al Guru 2017, Tim Schafer, con opere di Filippo Scaboro e Samuele Arcangioli, Nello stile dei precedenti tributi a Nolan Bushnell, Toru Iwatani, John e Brenda Romero.

Uno stand pieno di contenuti, di incontri, di approfondimenti e novità vi aspetta per questo nuovo livello di gioco, anzi di ARTE IN GIOCO!!

 

Narrami: trasforma i tuoi luoghi in cultura

“Ogni luogo ha storie interessanti da raccontare”. Ad essere sinceri questo payoff ha sedotto anche noi sin dal primo momento in cui ci è stata affidata la realizzazione della parte mobile di Narrami, una piattaforma digitale dedicata al mondo della cultura.

Negli ultimi anni sono sempre di più i progetti ai quali stiamo lavorando che si innestano nel tessuto artistico-culturale del nostro paese. Questo ci piace particolarmente e ci gratifica. Dal mondo del gaming con le diverse iniziative di Neoludica e GameArt Gallery sino alle iniziative (e sono tantissime) legate al mondo della scuola (C4Legality ed altri progetti realizzati in collaborazione con il locale istituto Gadda di Langhirano). Tante idee che cercano attraverso il mondo digitale di fare cultura. E così gli strumenti e i linguaggi di programmazione che ogni giorno utilizziamo diventano un mezzo attraverso il quale portare nel mondo un pò di bellezza e positività, perchè arte e cultura, in fondo, sono proprio questo. E proprio in questo consiste una delle sfide più grandi che come professionisti del settore stiamo affrontando in questi anni: sfruttare il “freddo” mezzo tecnologico per comunicare il bello, per raccontare storie e per far vivere la memoria di luoghi che altrimenti rischierebbero di venire dimenticati. E’ una sfida legata a nuovi paradigmi di comunicazione e a nuovi formati e media attraverso in quali, volenti o nolenti, oggi passa il sapere. E’ una sfida stimolante e complessa, in grado di metterci continuamente in gioco e di spronarci a dare sempre il meglio di noi. Una di quelle sfide che ci piacciono! In fondo ne siamo sempre stati convinti: anche la programmazione è una forma d’arte!

Ma torniamo a Narrami. Se volete maggiori informazioni vi invito a visitare il sito dedicato.

Con molto piacere nei giorni scorsi abbiamo pubblicato sullo store una versione preliminare per smartphone Android contenente una parte delle funzionalità base previste dall’app nella sua totalità. Da questo momento in poi rilasceremo aggiornamenti costanti e bugfixes e contestualmente daremo il via allo sviluppo dell’applicazione per iOS.

Restate quindi connessi sui nostri canali ed iscrivetevi alla newsletter dal sito www.narrami.com per restare aggiornati sulle evoluzioni del progetto.